Quanto durerà la protesi d’anca?

Fra tutti i dubbi che ci si può porre quando ci prepara a un intervento di protesi d’anca, sicuramente il più importante riguarda la durata effettiva che la protesi d’anca può avere, in quanto la prospettiva di essere rioperati dopo pochi anni non entusiasmerebbe nessuno. E’ importante dunque poter ricorrere all’impiego di protesi ortopediche longeve e resistenti nel tempo, per assicurare una lunga durata al sistema protesico che sostituisce l’anca.

Leggiamo sull’argomento il parere dello specialista Dottor Paolo Filippini: 

Come in tutti gli interventi che prevedono la sostituzione protesica di un’articolazione va messo in conto un deterioramento progressivo della protesi ortopedica, che può condurre ad un successivo intervento di sostituzione della protesi stessa. Allo stato attuale si rioperano di sostituzione le protesi posizionate circa 15-20 anni fa. Per ciò che riguarda i nuovi impianti che vengono effettuati oggi, è possibile stimare una durata della protesi d’anca molto lunga. Le nuove tecnologie impiegate nella fabbricazione delle componenti protesiche, i nuovi materiali utilizzati nella realizzazione delle stesse (come la ceramica) e il recente affinamento delle tecniche chirurgiche di posizionamento e ancoraggio delle protesi d’anca, permettono di prevedere oggi una sopravvivenza degli impianti protesici della durata di oltre 30 anni. Quindi si può dire che, rispetto agli interventi che venivano svolti in passati, la chirurgia dell’anca di ultima generazione è in grado di posizionare protesi ortopediche molto più longeve rispetto al passato.


Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2016