Notizie utili

Dolore all’anca (coxalgia): a cosa è dovuto?

dolore anca coxalgia

La coxalgia può colpire a qualsiasi età e per cause diverse. Provare dolore ad un’anca (o a entrambe le anche) è un problema diffuso, in quanto l’anca è un’articolazione sottoposta a notevole stress. Tuttavia è uno dei sintomi dolorosi da non trascurare, perché può rivelare la presenza di alcune patologie dell’anca. 

Grazie all’articolazione coxofemorale possiamo compiere movimenti fluidi e continui con gli arti inferiori, per questo è importante non sottovalutare mai lo stato di salute dell’anca.

L’anca è l’articolazione di giuntura tra il bacino e la gamba. Più precisamente un’anca è formata dalla capsula acetabolare e dalla testa del femore collegati attraverso un complesso sistema di tendini, cartilagini e legamenti. L’anca è la parte del corpo che permette all’uomo di camminare e di fare i movimenti di flessione, estensione, abduzione e adduzione.

Il termine medico per definire il dolore all’anca è coxalgia.1 Questo sintomo può colpire solo la zona anatomica dell’anca oppure in alcuni casi estendersi in altre parti del corpo come l’inguine, i glutei, l’interno coscia, la coscia fino ad arrivare al ginocchio. Il dolore può interessare l’anca destra o sinistra, in alcuni casi è esteso a entrambe (bilaterale). L’anca può far male sia quando siamo a riposo che mentre camminiamo o durante l’atto della corsa.

Il dolore all’anca può essere scatenato da fattori genetici, infiammatori, traumatici, degenerativi o da errori posturali. Tutti possono soffrire di dolori alle anche, ma le categorie maggiormente a rischio sono anziani, sportivi e persone in stato di obesità.

In presenza di uno stato di coxalgia è possibile fare una primissima autoanalisi concentrandosi sul tipo di dolore e sulla zona anatomica esatta dove lo si avverte. Le domande da porsi per tentare di capire l’origine del dolore e agevolare il medico nella diagnosi sono:

  • In quali occasioni si presenta di solito il dolore all’anca?
  • Dov’è localizzata esattamente la sensazione di dolore?
  • Oltre al dolore provo anche difficoltà a camminare?

Se il dolore si presenta durante l’attività motoria e si nota una difficoltà nei movimenti, magari accompagnata da un locale gonfiore, potrebbe essere in corso un’infiammazione, magari causata da uno sforzo eccessivo, o una contusione provocata da un trauma a carico dell’articolazione. In alcuni casi, in presenza di una contusione, si possono avvertire anche spasmi muscolari e si può notare la presenza di ematomi.

Se il dolore coinvolge la zona inguinale, la parte interna della coscia o del ginocchio e si presenta durante l’utilizzo dell’articolazione potrebbe essere un campanello d’allarme per l’artrosi. La coxartrosi (o artrosi dell’anca) è una malattia cronico degenerativa molto diffusa, che si accompagna a una graduale riduzione e scomparsa della cartilagine articolare.2 Per combattere questa patologia si possono utilizzare vari rimedi e terapie conservative, che spaziano dalle cure farmacologiche alla fangoterapia termale, fino all’intervento chirurgico con sostituzione (totale o parziale) del sistema articolare malato con una protesi d’anca.

Se il dolore all’anca si presenta associato a evidente difficoltà di movimento, zoppia o impossibilità di caricare il peso sull’articolazione potrebbe essere causato da microfratture o fratture dell’anca. Questo scenario può presentarsi contemporaneamente ad altre condizioni patologiche come l’osteoporosi3 , indebolimento delle ossa, o l’osteonecrosi provocata da un mancato afflusso di nutrienti ai capi ossei. Queste patologie si riscontrano soprattutto in soggetti di età avanzata mentre nei giovani le fratture sono causate principalmente da traumi da impatto.

Il dolore all’anca può causare notevoli fastidi alla qualità della vita e al normale svolgimento delle attività quotidiane. In caso di coxalgia acuta e persistente è necessario effettuare al più presto una visita medica specialistica con un ortopedico specializzato in problemi dell’anca, in modo da individuare il prima possibile l’origine del dolore all’anca attraverso gli opportuni esami diagnostici e radiografie, e iniziare una terapia adeguata.

  1. “Coxalgia”, Dizionario della Salute, CorrieredellaSera.it
  2. Andreotti, Lupo. Taddei, Marzio Taddei. “Patologia dolorosa muscolo-scheletrica di comune riscontro nella medicina pratica”, S.E.E., 2000 pag. 343
  3. “Osteoporosi”, 9/03/2016, Ministero della Salute.it

Tag: acetabolo, anca, bacino, cartilagine, dolore, gamba, gambe, ileo,

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2017